Ravioli di carne

Noi delle Cascine del Trifoglio, insieme all’amico Humberto Cavicchioli e al suo Pastificio, abbiamo inventato questa pasta ripiena che esalta la fragranza della carne proveniente dalle bovine del nostro allevamento unita al gusto dei nostri formaggi, ricavati dal nostro Latte Alta Qualità.
Sono ravioli artigianali, dal sapore aromatico, fragrante ed intenso, senza conservanti e prodotti con ingredienti genuini, tipici del territorio lombardo; per questo il loro periodo di conservazione è breve e noi vi consigliamo di rispettarlo, per gustarli freschissimi.
La sua storia: “Il raviolo è presente sulla nostra tavola fin dal XIV secolo, come attestano i ricettari dell’epoca, in cui compare una pasta preparata con farina e acqua che fa da contenitore per un ripieno. E’ un piatto tradizionale in tutta Italia, con varianti regionali per quanto riguarda la farcitura, il formato e il nome con cui viene chiamato. Non esistono regole generali a proposito dei ripiena se non quella, che riguarda più che altro il modo di servirla, per cui la pasta ripiena di carni può essere presentata, in brodo o asciutta”.
Tempo di cottura: 3 minuti. Scolare delicatamente con la schiumarola per non romperli. Condire con burro fuso e salvia tritata, o con qualsiasi sugo a piacere, oppure gustare in brodo con parmigiano. Conservare a 4°/6° C

Ravioli di ricotta

Noi delle Cascine del Trifoglio, insieme all’amico Humberto Cavicchioli e al suo Pastificio, abbiamo inventato questa pasta ripiena che esalta la delicatezza della nostra Ricotta ricavata da Latte Alta Qualità, unita alla freschezza degli spinaci.
Sono ravioli artigianali, dal sapore dolce e fragrante, senza conservanti e prodotti con ingredienti genuini, tipici del territorio lombardo; per questo il loro periodo di conservazione è breve e noi vi consigliamo di rispettarlo, per gustarli freschissimi.
La sua storia: “Il raviolo è presente sulla nostra tavola fin dal XIV secolo, come attestano i ricettari dell’epoca, in cui compare una pasta preparata con farina e acqua che fa da contenitore per un ripieno. E’ un piatto tradizionale in tutta Italia, con varianti regionali per quanto riguarda la farcitura, il formato e il nome con cui viene chiamato...”.
La storia della Ricotta: “La cultura contadina del passato, attenta al recupero ed all’economia domestica, non ammetteva nessun tipo di sperpero... nasce così questo latticino povero e magro, proprio perché ricavato dalla lavorazione del siero del latte liberato dalla cagliata, utilizzata precedentemente per produrre altri formaggi”.
Tempo di cottura 3 minuti. Scolare delicatamente con la schiumarola per non romperli. Condire con burro fuso e salvia tritata. Conservare a 4°/6° C

Ravioli di salva

Noi delle Cascine del Trifoglio, insieme all’amico Humberto Cavicchioli e al suo Pastificio, abbiamo inventato questa pasta ripiena che esalta la fragranza del nostro formaggio Salva Cremasco unito alla delicatezza della nostra Ricotta, ricavati da Latte Alta Qualità.
Sono ravioli artigianali, dal sapore aromatico, fragrante ed intenso, senza conservanti e prodotti con ingredienti genuini, tipici del territorio lombardo; per questo il loro periodo di conservazione è breve e noi vi consigliamo di rispettarlo, per gustarli freschissimi.
La sua storia: “Il raviolo è presente sulla nostra tavola fin dal XIV secolo, come attestano i ricettari dell’epoca, in cui compare una pasta preparata con farina e acqua che fa da contenitore per un ripieno. E’ un piatto tradizionale in tutta Italia, con varianti regionali per quanto riguarda la farcitura, il formato e il nome con cui viene chiamato”.
La storia del Salva Cremasco: “Fàm so tri o quàtro salva che almèno e m’pàssa fò l’invèrno!... dicevano i contadini artefici di questo stracchino destinato alla lunga conservazione. Il suo nome è legato alla lavorazione del latte, prodotto dalle vacche stracche durante la transumanza dalla montagna alla pianura, che i bergamini salva-vano, trasformandolo in formaggio”.
Tempo di cottura: 2 minuti Scolare delicatamente con la schiumarola per non romperli. Condire con burro fuso e salvia tritata. Conservare a 4°/6° C

Ravioli di zucca

Noi delle Cascine del Trifoglio, insieme all’amico Humberto Cavicchioli e al suo Pastificio, abbiamo inventato questa pasta ripiena che esalta il gusto del nostro Parmigiano ricavato da Latte Alta Qualità, unito alla dolcezza della zucca. Sono ravioli artigianali, dal sapore dolce e fragrante, senza conservanti e prodotti con ingredienti genuini, tipici del territorio lombardo; per questo il loro periodo di conservazione è breve e noi vi consigliamo di rispettarlo, per gustarli freschissimi.
La sua storia: “I ravioli di zucca sono uno dei piatti tipici della tradizione Mantovana e sicuramente uno dei piatti più conosciuti in Italia, anche perchè legati alla tradizione natalizia: sono da sempre il tipico primo piatto da consumare durante la cena della vigilia di Natale. Il raviolo è presente sulla nostra tavola fin dal XIV secolo, come attestano i ricettari dell’epoca, in cui compare una pasta preparata con farina e acqua che fa da contenitore per un ripieno. E’ un piatto tradizionale in tutta Italia, con varianti regionali per quanto riguarda la farcitura, il formato e il nome con cui viene chiamato”.
Tempo di cottura 2 minuti. Scolare delicatamente con la schiumarola per non romperli. Condire con burro fuso e salvia tritata e la nostra Raspadura. Conservare a 4°/6° C